La Pro Loco Montagnana, in collaborazione con l’Associazione Murabilia, MontagnanaFilmForum e la Cartolibreria Gnesin Paola organizzano la Rassegna  “IL VENETO TRA LE RIGHE“, con il Patrocinio del Comune di Montagnana.

Gli incontri si svolgeranno al Palazzo Lombardesco, alle ore 21, e sono ad ingresso gratuito.

Di seguito i dettagli:

Venerdì 13 aprile 2018 – Alessandro Tasinato presenta “Il Fiume sono io” – Bottega Errante Edizioni.
Dialoga con l’Autore Giandaniele Pauletto

Perché un fiume scompare dalle mappe ad un certo punto della storia?

Un’indagine narrativa che ha come cuore la Rabiosa (oggi Fratta-Gorzone), il fiume mortalmente inquinato dal distretto conciario di Chiampo-Arzignano e poi interessato dal cantiere dell’Autostrada Valdastico Sud.

Un romanzo forte che si addentra nel territorio, nel mondo del lavoro  e in quello più intimo di Nino Franzin, il protagonista, che ha vissuto la giovinezza in simbiosi con la Rabiosa. Gli studi, la laurea, il miraggio di un’importante carriera lo costringono a dare le spalle all’acqua. Sarà la vita di un piccolo embrione a fargli incontrare di nuovo i destini di un fiume che non c’è più.

Un libro che riguarda tutti noi e che racconta il fragile equilibrio fra l’ambiente che ci circonda e le nostre vite.

ALESSANDRO TASINATO è dottore in Scienze Ambientali. Ha svolto indagini sui cicli produttivi della chimica, del cloro, del petrolio e dei rifiuti nei grandi impianti industriali e si è occupato di energia, fonti rinnovabili e cambiamenti climatici.

Per la Bassa Padovana è stato tra i promotori del “Parlamento” per la salvaguardia del fiume Fratta-Gorzone e ha scritto articoli per la rivista “Con i Piedi per Terra”.

Nel 2017 ha fondato I.D.E.A. – associazione senza scopo di lucro per la divulgazione sull’etica ambientale.

Il suo sito è: www.alessandrotasinato.com

Venerdì 20 aprile 2018 – Aristide Bergamasco presenta “Contagio” – Leone Editore
Dialoga con l’Autore Franco Ferrari

Contagio è un thriller con elementi storici che si volge in una torrida estate contemporanea, fra Milano, Padova e altre città europee.

Una microbiologa e il suo compagno dall’oscuro passato si lanceranno in una corsa contro il tempo, scandita dalla saggezza arcana della Kabbalah: riusciranno a difendere il virus che custodisce l’albero della vita o sarà l’albero della morte a mettere radici?

Il romanzo è risultato finalista al Premio Internazionale “Cerruglio”, ha ricevuto il Premio Speciale della Critica al V concorso Internazionale “Locanda del Doge”, la Menzione d’Onore al prestigioso Premio Internazionale “Firenze capitale d’Europa 2016”, la Menzione della giuria al Festival “Giallogarda”, il Premio Internazionale “Holmes Award” e la Menzione d’Onore al Premio Letterario Casentino.

ARISTIDE BERGAMASCO nasce a Padova. Laureato in medicina e specializzato in chirurgia generale, vive sui Colli Euganei, dove lavora come medico di urgenza. Si occupa inoltre di agopuntura e medicina estetica.
Istruttore professionale di tecniche di rianimazione, tiene abitualmente incontri di volontariato per la formazione e la prevenzione, rivolti agli studenti di ogni grado.
E’ appassionato di viaggi, fotografia e mitologia.

Il suo sito è: www.aristidebergamasco.com

Info c/o la Cartolibreria Gnesin Paola in Piazza Vittorio Emanuele II, Montagnana